MET GALA

Fashion

  1. Home
  2. ISPIRAZIONI
  3. ISPIRAZIONI
  4. Fashion
  5. MET GALA

MET GALA

Gli outfit della serata di beneficenza più famosa nel mondo della moda.

Gilded Glamour”, ossia l’epoca d’oro della storia americana che va dal 1870 all'inizio del ‘900, periodo di grande prosperità economica. È questo il tema - ispirato e dedicato alla mostra “In America: an anthology of fashion” - che ha guidato il Met Gala2022, l’evento di beneficenza che da 74 anni raccoglie fondi per il Metropolitan Museum of Art di New York. Una scelta in grande stile, in cui hanno trionfato decori sfarzosi e outfit d’altri tempi… tempi d’oro per l’appunto!
 

Attesissima la sfilata in dress code dei VIP sul red carpet che ha visto, come sempre, due “fazioni” ben distinte: gli ospiti che si attengono  rigorosamente al tema super chic proposto e quelli che lo reinterpretano in chiave più che originale. Tra i primi abbiamo la splendida Gossip Girl  Blake Lively in Versace,ma ancheun’elegantissima Billie Eilish firmata Gucci e, non avevamo dubbi, Sarah Jessica Parker nel suo Christopher John Rogers. Anche se, in realtà, la regina della serata è stata Kim Kardashian: dopo il total black (ossia una tuta Balenciaga che la copriva da capo a piedi, viso compreso!) dell’anno scorso, ha sfoggiato un incredibile abito di diamanti. E non uno a caso, ma quello indossato da Marilyn Monroe nel 1962 per il compleanno di John Kennedy. Esatto, proprio quello di “Happy Birthday Mr. President”! E ora, la seconda categoria, la più divertente, chiacchierata e decisamente originale: gli outsiders! Ne citiamo solo alcuni: il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, in versione gemello omozigote con Jared Leto, Cara Delevingne chesceglie il body painting con il busto dipinto e decorato d’oro e Kylie Jenner con un abito da sposa Off-White. La lista sarebbe ancora lunga, la sfilata infinita.

E dire che la prima edizione del Met Gala risale al lontano 1948: una semplice cena di mezzanotte, con biglietto d'entrata di 50 dollari! È grazie all'ex caporedattore di Vogue Diana Vreeland, nel 1973, che l’evento diventa socialmente esclusivo e tremendamente popolare (oltre che la raccolta fondi più efficiente!). Un’eredità raccolta, oggi, dall’intramontabile Anna Wintour, che approva ogni invitato della - segretissima, fino all’ultimo - lista degli ospiti (tra questi, oltretutto, anche i nostrani Fedez e Chiara Ferragni). 

Celebrity di ieri e oggi che scrivono la storia della moda americana.